NDI

Cosa vuol dire NDI?

NDI®  è l’acronimo di Network Device Interface – ed è un marchio registrato di NewTek, Inc. Network.

E’ un protocollo che sta diventando uno standard grazie alla sua crescente adozione.

Sviluppato dalla Newtek – un’azienda texana (conosciuta sul mercato anche per il Tricaster e per i video switcher), dall’anno scorso di proprietà della norvegese Vizrt.

NewTek - Vizrt

La tecnologia fu presentata da NewTek nell’anno 2015, e adottato dagli altri vendor a partire dall’anno successivo. La prima versione ufficiale risale all’aprile del 2016.

Inizialmente pensato per la computer graphics, il protocollo si è andato mano a mano arricchendo con nuove funzioni – ed è in continuo sviluppo.

Nel 2017 la terza versione del NDI ha aggiunto ad esempio il supporto per lo standard NDI-HX, per il PTZ e l’opzione per il trasporto multicast – cioè per la distribuzione del video a più siti contemporanemente.

Nel marzo del 2020 ha implementato il Multi-RCP, sviluppato un latenza più bassa con l’NDI-HX e migliorato ulteriormente la qualità dei codec.

Viene utilizzato anche nei sistemi di produzione e distribuzione dei video su cloud, per la compressione del video e le trasmissioni unicast – cioè punto – punto, tra due siti.

Logo NDI

A cosa serve l’NDI?

Aiuta a distribuire i segnali video di alta qualità e a bassissima latenza in tempo reale grazie al protocollo TCP/IP sull’infrastruttura IP esistente (Ethernet) – tagliando così costi e tempi rispetto all’utilizzo di costosi sistemi dedicati.

Viene dunque utilizzato soprattutto nel live streaming, per acquisire i file video e audio anche ad altissima risoluzione – supporta il 4Ksenza perdite rilevanti di qualità.

tecnico con lente d'ingrandimento

Dove vengono utilizzate le telecamere NDI?

  • produzione e post-produzione di video
  • live broadcasting per videoconferenze
  • formazione a distanza
  • convegni, conferenze, seminari, eventi dal vivo
  • manifestazioni sportive, gaming (eSport)
tecnico per NDI

Quali sono i vantaggi delle telecamere NDI?

Praticità: si possono trasportare i segnali video e di controllo e persino l’alimentazione con un singolo cavo; NDI lavora inoltre sulle reti esistenti, senza bisogno di nuovi cavi e switch.

Interoperabilità: permette ai dispositivi video più tradizionali di lavorare con quelli più innovativi basati su IP – connettendoli su un’unica rete IP. E’ inoltre interoperabile sia con le versioni precedenti e successive del protocollo, sia con diverse applicazioni e sistemi NDI.

Risparmio di banda: offre una forte compressione del segnale – meglio della maggior parte dei codec esistenti. Richiede il 90% in meno di banda per offrire una qualità video 4K, e confrontata con gli standard SMPTE 2110 e SMPTE 2022 per il trasporto video su IP.

Semplicità: essendo la codifica indipendente da risoluzione e frame rate, si possono collegare diversi PC e fonti con multiple risoluzioni che verranno tranquillamente gestite in produzione

NDI HX

Cos’è NDI | HX?

E’ una variante “low-bandwidth” del protocollo NDI.

HX sta per High Efficiency, perché utilizza una maggiore compressione, grazie allo standard H.264 –  ottenendo un segnale molto più leggero aggiungendo solo pochi frame di latenza.

Un flusso NDI | HX può essere tra le 8 e le 10 volte più piccolo rispetto al corrispondente Full NDI.

E’ dunque utilizzabile soprattutto in situazioni dove la larghezza di banda è ridotta, come ad esempio in reti Wi-Fi, e quando bisogna trasportare contemporaneamente molteplici flussi video.

Perché si stanno sviluppando sempre più dispositivi NDI-HX?

Sempre più produttori stanno sviluppando sistemi compatibili, dispositivi video sia hardware che software.

Tra i nomi più famosi, Sony, Panasonic, JVC, Adobe, VLC, vMix, OBS, Skype, Apple per i dispositivi mobili iOS.

AVer ha recentemente lanciato due modelli di telecamere NDI negli Stati Uniti.

NEW! Scopri la nostra telecamera NDI 4K con porte HDBaseT e USB (powered by iSmart Video).

Categorie

2020-09-03T12:19:30+00:00